Luis Buñuel, La Via Lattea - di Gianfranco Massetti                                    Pagina [ 1 ]  [ 2[ 3 ]  [ 4 ]  [ 5 ]
activcinema roma archeologia cinematografica
La Via Lattea, Luis Buñuel Luis Buñuel

E' scritto nel testo in sovrimpressione al termine de "La Via Lattea" di Luis Buñuel: "Tutto ciò che nel film riguarda la religione cattolica e le eresie cui essa ha dato luogo, in specie dal punto di vista dei dogmi è rigorosamente esatto. I testi e le citazioni sono tratti sia dalle scritture che da opere di teologia e di storia ecclesiastica, antiche e moderne."


marchese de SadeJean e Pierre sono giunti a Tours, nei pressi di un ristorante dove un maggiordomo, il signor Richard, s'intrattiene con la servitù in profonde considerazioni teologiche.

La Via Lattea
Luis Buñuel

Pagina 1
Pagina 2
Pagina 3
Pagina 4
Pagina 5

La Via Lattea, Luis Buñuel


Il flash back che a questo punto si apre sulla figura del marchese de Sade potrebbe sembrare una digressione, ma in realtà l'ateismo ed il libertinismo da lui professati non sono  altro che  una versione   aggiornata  al razionalismo del sei settecento del pensiero gnostico. " Solo gli uomini immorali non credono in Dio. Peggio ancora! Se lo negano, è solo per soddisfare liberamente le loro passioni, perché un'evidenza non può venire negata. " Dice il signor Richard. Su questo punto egli trova l'approvazione dei propri interlocutori, ma una donna delle pulizie replica che per lei c'è una cosa che è molto difficile da capire: " è che Cristo sia un uomo e contemporaneamente un Dio."  Il signor Richard le risponde con ostentata saccenteria: " Se sapeste quante eresie ci sono state su questo argomento! … alcuni sostenevano che il Cristo fosse soltanto un Dio … Sì, pensavano che il suo aspetto umano fosse soltanto una specie di fantasma, di apparizione. " E subito dopo aggiunge: " E naturalmente non soffrì, non morì, eccetera eccetera … Marcione e i monofisiti sostenevano queste tesi. " Lo interrompe un cameriere: " Anche Nestorio, no? " Risponde in modo un poco azzardato il signor Richard: " Esatto, Nestorio. Altri eretici invece sostenevano il contrario, naturalmente Cristo non era un Dio, ma un uomo, nient'altro che un uomo. " Si da il caso che Nestorio fosse invece condannato dal concilio di Efeso quale "nuovo ebreo" per aver sostenuto che Maria non era la madre di Dio e che perciò Cristo era soltanto un uomo. Marcione era invece un ricco commerciante e sosteneva l'idea di una netta contrapposizione tra "legge" e "amore": Antico e Nuovo Testamento. Egli finì così per escludere dai testi sacri tutto l'Antico Testamento.

A questo punto si apre un nuovo flash back su un episodio della vita di Gesù che viene riferito soltanto dal vangelo di Giovanni, il quale è peraltro l'unico evangelista a riportare anche la discendenza genealogica di Gesù. Si tratta della scena sulle nozze di Cana. Gesù è in ritardo. Un servo gli dice: "Maestro, gli invitati sono tutti arrivati. Vostra madre e i vostri fratelli stanno aspettando. " Gesù gli replica secondo le parole degli evangelisti Marco (3.31) e Matteo (12.47) : " Ecco mia madre e i miei fratelli. Poiché chiunque avrà fatto la volontà del padre mio che è nei cieli, egli mi è fratello, e sorella, e madre. " In queste citazioni, il riferimento di Buñuel all'esistenza dei fratelli di Gesù è esplicito, mentre la scena delle nozze di Cana sembra peraltro alludere ad un suo possibile matrimonio. Di nuovo, siamo ricondotti in pieno XX secolo al ristorante del signor Richard, il quale sta ricevendo dei clienti che si dimostrano incuriositi dal suo discorso. Il signor Richard si domanda come mai di fronte a tanti ciarlatani e visionari, come ad esempio Simon Mago, "solo il Cristo sia riuscito ad imporsi." "Ma perché era l'unico a essere Dio!" Gli fa eco la signora Garnier. Il signor Richard dimostra con un piccolo inchino la sua approvazione. Jean e Pierre, i due pellegrini, che intanto si sono affacciati all'ingresso del ristorante sono cacciati in malo modo. Per espiare il peccato originale, la religione cristiana ha elaborato una nuova forma di gnosi che redime l'uomo, rendendo il figlio di Dio consustanziale al Padre.

Il messaggio di Buñuel è questo. Ma va anche oltre. Per una sorta di proprietà transitiva, il discorso fatto a proposito degli atei vale anche per i cristiani: al fine di soddisfare liberamente le proprie passioni, essi hanno affermato la divinità di Cristo che espia con la propria morte i loro peccati. Il cristianesimo è in pratica la forma più autentica di ateismo.

Jean e Pierre sono giunti a Bordeaux e si trovano nei pressi di un istituto scolastico femminile. Qui assistono al saggio di fine anno delle allieve, la recita di una commedia interpolata da alcuni canoni stabiliti al concilio di Braga contro l'eresia di Priscilliano: " Se qualcuno sostiene che ai cristiani è permesso di avere molte mogli, e che avere molte mogli non è vietato da alcuna legge divina … Anatema su di lui! … Se qualcuno sostiene che nel sacrificio della messa si commette un atto blasfemo verso il sacrificio di Gesù Cristo morto sulla croce … Anatema su di lui! … Se qualcuno sostiene che è impossibile osservare i comandamenti di Dio, anche per chi è in stato di Grazia … Anatema su di lui! … Se qualcuno sostiene che Dio nutre odio per il bambino che nasce e lo punisce per aver commesso il peccato di Adamo … Anatema su di lui! … Se qualcuno, solo perché giudica immonde le carni che Dio ha dato all'uomo per nutrirsi, e non perché desideri mortificare il suo corpo, si astiene dal mangiarne … Anatema su di lui! " Un altro flash back ci porta dalla recita delle allieve dell'istituto Lamartine alla cella di un tribunale dell'Inquisizione, in pieno medioevo. Un eretico nega l'esistenza del purgatorio e dichiara la nullità dei falsi sacramenti della cresima e dell'estrema unzione. " Mi domando se bruciare gli eretici non sia una azione contraria alla volontà dello Spirito Santo. " Afferma un giovane monaco del tribunale. Gli risponde l'Inquisitore: " Ma è la giustizia degli uomini che li punisce! E' il braccio secolare! Gli eretici non sono condannati perché sono eretici, ma per le sedizioni e gli attentati che perpetrano a danno dell'ordine pubblico! "

Luis Buñuel, La Via Lattea > Pagina 4

Activitaly | InfoRoma | ArgiletumTour | Svbvra | Eventi | ActivCinema