Federico Fellini
, negli anni cinquanta, produsse opere di altissimo livello come “La strada” del 1954 , “Il Bidone” del ‘55 e “Le notti di Cabiria” del ’56. Tre anni più tardi creò il film “La dolce vita”, che divenì rapidamente il manifesto dell ‘epoca del cinema a Roma. Tra corse in macchina a via Veneto ed eccessi di ogni tipo , Roma viveva il fermento della creatività di registi come Fellini, Antonioni, Visconti. Nei bar della capitale si potevano scambiare commenti e pensieri con Pietro Germi oppure dialogare de “Il Sorpasso” con Dino Risi. Quegli anni furono terreno fertile per l’ uscita de “Il bidone” di Fellini, de “Le amiche” di Michelangelo Antonioni, de “Il Grido”, film intelligente e profondo, che preparò l’ ingresso ad una delle trilogie più famose del cinema. Infatti , nel 1960 , Michelangelo Antonioni creò la trilogia filmica composta da : L ‘avventura, La notte e L ‘eclissi, quest’ ultimo del ’61.
Lo stesso anno Dino Risi produceva “Il sorpasso” con Vittorio Gassman , seguiva Pietro Germi con “Divorzio all ‘italiana”, Luchino Visconti con “Rocco e i suoi fratelli” .
Federico Fellini - CasanovaLe sartorie romane come la Farani ,utilizzata per i costumi dei film di Pier Paolo Pasolini, la Peruzzi o la famosa Sartoria Tirelli, fornivano molti costumi per le produzioni di Hollywood e tutti i costumi per i film dei grandi registi dell ‘epoca del cinema nella capitale. Piero Tosi costumista della sartoria Tirelli, disegnò molti abiti per i film di Luchino Visconti, tra i quali Il Gattopardo , Morte a Venezia e La caduta degli Dei. Sono stati numerosi i premi conquistati dai costumisti della sartoria Tirelli, tra cui molti Oscar.
Potremmo citare : il premio consegnato a Danilo Donati per “Casanova” di Federico Fellini del 1976, nel 1981 vinse il premio Milena Canonero per i costumi di “Momenti di gloria” di Hugh Hudson , nel 1992, Gabriella Pescucci conquistò il riconoscimento per “L’ età dell ‘innocenza” di Martin Scorsese e tanti altri. Gabriella Pescucci in un intervista dice : “Ho deciso di andare a Roma con la cartella sotto braccio e ho cominciato a sentire se avevano bisogno di un assistente-costumista. Il primo con cui ho lavorato è stato lo scenografo Pier Luigi Pizzi. Poi ho incontrato Umberto Tirelli il fondatore della omonima sartoria e in seguito Piero Tosi”. Era il 1966 quando Gabriella Pescucci venne a Roma.
La sua carriera nella capitale fu abbastanza rapida , iniziò subito a disegnare i costumi per il cinema e il teatro , poi, altrettanto presto andò a lavorare in America a fianco di Martin Scorsese, Terry Gillian e Regis Wargnier. “ Nel mio lavoro, purtroppo, ho bisogno di molti soldi perché altrimenti non riesco a realizzarlo e in America hanno a disposizione dei grossi budget. ” dice Gabriella Pescucci, poi continua : “ Rispetto all ‘Italia mi manca il feeling con le persone…”.
Il lavoro del costumista viene considerato da Gabriella Pescucci come un impiego artigianale , infatti dice : ”.. entro nella sartoria la mattina alle 9 ed esco alle 8 di sera “, poi segue “ faccio un vestito come un architetto fa un palazzo, piano piano, a piccoli gradi” poi conclude affermando : “ è un lavoro estremamente creativo”.
Il costume è , sotto tutti i punti di vista, l ‘elemento fondamentale per la riuscita di un film. Un costumista, che viene impegnato in un film deve lavorare al massimo delle sue possibilità, altrimenti rischia di far naufragare tutto il resto del lavoro.

rocky  horror picture showNelle produzioni dei primi film in costume, si commettevano molti errori, spesso, venivano dimenticati gli orologi ai polsi delle comparse, o gli abiti venivano cuciti con tessuti troppo moderni per l ‘epoca in cui era ambientato il film, il risultato era più che discutibile. Oggi, errori di questo tipo non se ne commettono più, gli abiti e gli accessori vengono controllati accuratamente, più volte, durante la lavorazione , ponendo molta attenzione al periodo storico e culturale.

Saverio Frisina

 

Il Costume nel Cinema home


Luchino Visconti - Il Gattopardo
Danilo Donati
Activitaly | InfoRoma | ArgiletumTour | Svbvra | Eventi | ActivCinema