ActivCinema Presenta Dennis Hopper, Easy rider
di Gianfranco Massetti 
 
Dennis Hopper, Easy rider

1

2

3

4

5

…E nella sovrapposizione psichedelica di immagini, voci, luci e colori attraversano, in una comune esperienza, quelle che Aldus Huxley chiamerebbe “le porte della percezione”. Wyatt appare come il Cristo della pietà di Michelangelo. Tra le braccia di una statua di marmo del camposanto, che rappresenta l’antitesi della Statua della Libertà, si lamenta ed invoca la madre a voce alta: “Come hai potuto farti odiare tanto”, dice riferendosi a sua madre, apparentemente come metafora dell’America, “quanto ti odio, se sapessi quanto ti odio …”. E, ancora, abbracciato a sua volta alla statua: ”tienimi la mano mamma … non mi hai mai amato … fa che io ti ami …quanto ti odio …Io ti amavo …Io ti amavo …e tu sei così stupida mamma … e io ti odio tanto”. Mary, una delle due prostitute ripete con voce di fanciulla il Credo cristiano: Credo in Dio Padre, Onnipotente, Creatore del cielo e della terra …fu crocefisso, morì e fu sepolto; discese all’ inferno, il terzo giorno resuscitò dai morti, ascese al cielo, siede alla destra del Padre … Credo in Dio, Padre onnipotente…e in Gesù Cristo, Suo unico figlio, Nostro Signore … Nato dalla Vergine Maria … Gloria al Padre e al Figlio suo Gesù … Ave Maria piena di grazia … sii benedetta tra le donne e benedetto sia il frutto del seno tuo, Gesù … Billy, invece, si riscopre pieno di luce: “sono pieno di luce guarda …guarda siamo tutti pieni di luce …luce …luce”. E Karen, la prostituta che sta con lui, ripete: “Lo so io ti conosco … Io ti conosco … Io sento l’esterno ma non riesco a sentire l’interno …sto morendo …sto morendo … adesso muoio …sono morta non capisci … o Dio aiutami a concepire un figlio … sono qui fuori … sono qui fuori di me …ho concepito … o ti prego, Signore, fammi uscire di qui …lo sai cosa voglio dire …”. Di nuovo sulle loro motociclette, i due amici hanno raggiunto la Florida. Ancora una volta davanti al fuoco del loro accampamento, Billy dice soddisfatto a Wyatt: “Siamo ricchi…”. Ma quello, invece, gli replica: “Siamo fregati”. Billy non riesce a capire: quando uno è pieno di soldi è libero … Ma quello ripete: “ … fregati”.

Il giorno seguente, mentre percorrono una strada di provincia gli si avvicina un piccolo camion con a bordo due uomini, che cominciano a denigrarli per i loro capelli. L’uomo accanto al guidatore afferra un fucile con l’intenzione di spaventare Billy, che procede tranquillo per la sua strada. Gli parte un colpo e Billy rimane ferito ai margini della carreggiata. Wyatt cerca di soccorrerlo, poi inforca la motocicletta per vedere se riesce a trovare aiuto. Nel frattempo, i due feritori ritornano indietro, preoccupati per quello che hanno combinato. Quando li vede, Wyatt punta dritto su di loro come un kamikaze, una particella di antimateria: l’abitacolo del camioncino esplode, e la moto rimbalza finendo per incendiarsi in mezzo ai campi.

Quinta parte

Activitaly | InfoRoma | Servizi turistici | Svbvra | Eventi | ActivCinema | Chi siamo | Add url | e-mail

ActivCinema Roma - archeologia cinematografica