ActivCinema, rivista attiva di archeologia cinematografica
La Dolce Vita, Federico Fellini

La Dolce Vita, Federico Fellini II - [ intro I parte 1 I parte 2 ]

Si riapre la parentesi dell’incontro con Steiner. Ritroviamo infatti Marcello ed Emma ad un ricevimento in casa di Steiner, in compagnia di artisti e letterati. Steiner è sposato, ha una bella moglie giovane e due bei figli, una bella casa. Sono una famiglia felice. L’ammirazione di Steiner per l’ amico e le sue doti di scrittore è enorme. Lo sollecita a dedicarsi al lavoro intellettuale ed a lasciare quei giornali un po’ fascistoidi su cui esercita la sua professione. Per lui potrebbe fare qualcosa, fargli conoscere ad esempio qualche editore importante.

In una trattoria lungo il litorale romano, Marcello cerca di scrivere un articolo, ma lo disturba la canzone del juke-box acceso da Paolina, una giovane adolescente di Perugia che lavora come cameriera. Marcello è turbato dalle grazie della giovane, che sembra gradire pudicamente le attenzioni del giornalista. A sera, in via Veneto, Marcello incontra suo padre, giunto da Cesena per degli affari. Si apre così il quinto episodio.

Acconsentendo al desiderio del genitore, si recano insieme in un locale notturno, che il vecchio era solito frequentare ai tempi del servizio di leva. Qui Marcello gli presenta Fanny, una giovane ballerina, che li porta nel suo appartamento. Ma gli affanni della notte brava e gli acciacchi della vecchiaia provocano al padre di Marcello un malessere. All’alba dell’indomani mattina, il genitore lascerà Roma con il primo treno in partenza.

 

 

 

 

 

La Dolce Vita, Federico Fellini

Nel sesto episodio, Marcello partecipa ad un ricevimento al castello del Principe Mascalchi, dove ritrova Maddalena. Tra una falsa dichiarazione d’amore da parte di quest’ultima e una seduta spiritica, Marcello si ritrova in una soffitta fra le braccia della moglie del Principe. All’alba, mentre i partecipanti alla festa lasciano il castello, dopo una notte insonne, la Principessa madre si reca coi preti a messa ed ammonisce con severità i propri figli.

Il regista apre a questo punto una nuova parentesi. Dopo un turbolento litigio tra Marcello e la fidanzata, questi apprende che in casa dell’amico Steiner è successa una tragedia. Vi si reca e apprende dal commissario incaricato delle indagini che Steiner dopo avere ammazzato i figli si è suicidato. Marcello si offre di avvertire insieme al commissario la moglie di Steiner, che si trova al lavoro. Quando i due fermano la donna per strada, un gruppo di spietati fotoreporter li circonda come avvoltoi.

Nell’ultimo episodio, Marcello e i suoi amici fanno irruzione in casa di Riccardo, sfondando la porta a vetri del soggiorno. Vogliono festeggiare il divorzio di Nadia, che tra un drink e l’altro improvvisa uno spogliarello, creando un’eccitazione collettiva che minaccia di degenerare in un’orgia. All’arrivo del padrone di casa, sono tutti messi alla porta. Arrivata l’alba, il gruppo di amici si ritrova così a passeggiare lungo una vicina spiaggia, su cui è comparsa una specie di razza, o un mostro marino giunto dai mari tropicali. Da lontano, Marcello scorge Paolina che gli fa dei gesti. Vorrebbe passeggiare con lui e chiacchierare. Marcello però non capisce e si allontana con i suoi amici in cerca di altre avventure.

Realizzato alla fine degli anni cinquanta, quando in Italia il regime democristiano risulta pienamente consolidato, La Dolce Vita rivela che dietro al cristianesimo di facciata della nazione si nasconde il mostro della Roma pagana. Pagano è il rito di abluzione della “diva” cinematografica, che risorge a nuova Venere dalle acque spumeggianti della fontana di Trevi. Pagano è il culto orgiastico - orientale della Grande Madre - che aleggia in ogni singolo spezzone del film, e si rivela anche nell’orgia di follia che caratterizza l’episodio della falsa apparizione della Madonna.

Di fronte allo scandalo suscitato dal film, che tra l’altro proponeva un momento di riflessione sul mondo del cinema e dell’informazione giornalistica, Il pudore con cui il regista ha raccontato tutto questo, oggi non può che stupire e lasciare perplessi.

Gianfranco Massetti

                                                                                             La Dolce Vita home

 

La Dolce Vita, Federico Fellini

La Dolce Vita, Federico Fellini

La Dolce Vita, Federico Fellini

La Dolce Vita, Federico Fellini


Activitaly | InfoRoma | Servizi turistici | Eventi | ActivCinema | Chi siamo | Svbvra

 

©1999-2005 Activitaly srl Roma