Activitaly | InfoRoma | Svbvra | Eventi | ActivCinema | Chi siamo | E-mail

Shining, Stanley Kubrick
Shining, Stanley Kubrick

Shining, Stanley Kubrick - parte II
di Gianfranco Massetti

Intanto, il cuoco Hallorann sta facendo ritorno all’Overlook Hotel per accertarsi della situazione. Mentre Wendy dorme nella sua stanza, con il rossetto Danny scrive sulla porta la parola REDRUM, ma con la disgrafia delle lettere S e D, che sono poste a rovescio.

Shining, Stanley Kubrick

Shining, Stanley Kubrick

Shining, Stanley Kubrick

Kubrick su ActivCinema

Full Metal Jackets

Dottor Stranamore

Arancia Meccanica


Cerca in Activitaly





inserisci la parola/frase e clicca sulla lente per avviare la ricerca


Iscriviti anche tu
Name:
Email:  

Subscribe  
 
Unsubscribe



 

Così, Wendy risvegliandosi vede riflessa nello specchio la parola MURDER, e quasi contemporaneamente sente i colpi di ascia con cui Jack cerca di abbattere la porta chiusa. Wendy si rifugia quindi nel bagno e fa scappare il bambino per la finestra.

Shining, Stanley KubrickHallorann è giunto nel frattempo all’Overlook a bordo di un gatto delle nevi. Ma Torrance riesce ad eliminarlo ancora prima che possa fare qualcosa. Danny, che si era rifugiato nella cucina, esce nel parco antistante, coperto di neve, in cui cerca di far perdere le proprie tracce all’interno del grande labirinto di siepi che vi è stato piantato.
Dopo un’estenuante fuga all’interno del labirinto, dove il padre lo insegue brandendo l’ascia, Danny, al richiamo di sua madre, esce dal labirinto e con lei fugge sul gatto delle nevi lasciato da Hallorann. Nelle ultime scene, la macchina da presa ritrae Jack assiderato all’interno del labirinto, man mano la sua figura sfuma sull’inquadrature di una parete all’interno dell’albergo, dove compare la vecchia fotografia di alcuni ospiti che partecipano ad una festa nella sala bar.
Una scritta in sovrimpressione riporta la data del 4 luglio 1921, mentre lo zoom ci conduce a riconoscere, tra i presenti, proprio la figura di Jack Torrance.

Shining, Stanley KubrickDurante il viaggio che li conduce all’Overlook Hotel, Wendy cita un avvenimento accaduto nel 1847, all’epoca della “febbre dell’oro”. Si tratta della dispersione della spedizione Donner in mezzo alle nevi delle Sierras, che Wendy confonde con i monti del Colorado. Il fatto divenne celebre in quanto i membri della spedizione si erano abbandonati ad episodi di cannibalismo. Ma proprio il tema del cannibalismo costituisce uno dei principali argomenti di Shining (cfr. G. Cremonini, Stanley Kubrick, Shining, Torino 1999). Ad esempio, nell’affermazione di Wendy che visita l’enorme cucina dell’albergo: “… è un enorme labirinto. – dice – Mi dovrò riempire le tasche di briciole di pane per non perdermi.” L’affermazione evoca la fiaba di Pollicino, contaminata del mito di Teseo ed Arianna.
Ma un’altra fiaba che allude ancora all’antropofagia è anche quella di Cappuccetto Rosso, della quale Wendy diventa protagonista nelle scene finali, quando Jack s’ingegna di farla a pezzi con l’ascia.
Del resto, attraverso la silhouette vistosamente anoressica di Wendy la paura ancestrale di essere mangiati ci accompagna per tutto il film, che termina con l’accusa di cannibalismo che Kubrick rivolge al suo paese: la data del 4 luglio che compare sulla foto di Jack è quella dell’anniversario dell’ Independence Day.

Sorto dalla profanazione di un cimitero sacro agli indiani, l’Overlook Hotel è divenuto un luogo di potere occulto. Shining è, tuttavia, anche l’indicazione di un percorso iniziatico verso la “luce” e la vita. Il successo di tale percorso è subordinato però alla possibilità di decrittazione del labirinto, ricostruendone le serie in base all’abbinamento destra – sinistra / sinistra – destra, o semplicemente per effetto di un atto intuitivo. In tal senso, risulta fondamentale il contributo dell’elemento femminile, rappresentato nel mito di Teseo dal filo (cordone ombelicale) di Arianna o dal richiamo della Madre nel caso di Danny. La presenza dell’ascia come strumento sacrificale nelle mani di Jack, ci riconduce inoltre a quella etimologia del termine “labirinto” che lo fa risalire al greco “labrys” ed al simbolo dell’ascia bipenne, la quale ci rimanda a sua volta al mito delle Amazzoni.

Nel labirinto occulto della Storia, il sogno di potenza dell’uomo è destinato a un eterno ritorno. Una delle più note frasi palindrome che esprimono la vanità di questo sogno di potenza si riferisce a Napoleone: in inglese la frase I was able, se letta al contrario risulta I saw Elba.

Lo Shining permette di scrutare nell’occulto della Storia, per liberarsi di un destino in cui una REDRUM, ovvero un RED DRUM, un segnale di guerra (cfr. G. Cremonini, cit., p. 43), nasconde l’incombere della Morte.

Shining parte 1

top

Activitaly | InfoRoma | Svbvra | Eventi | ActivCinema | Chi siamo | E-mail