Il dottor Stranamore, o come imparai a smettere di preoccuparmi e ad amare la bomba - 2

ripperIl generale Ripper, comandante di una base strategica americana, nutre la personale convinzione che la superpotenza sovietica riesca a nuocere al “mondo libero” fluorizzando l’acqua delle fonti dei fiumi. Per questa ragione, reintegra da anni il suo quotidiano bisogno di liquidi bevendo esclusivamente acqua distillata.

Stanco di vedere gli effetti deleteri di questo avvelenamento biologico, che si manifesta attraverso la progressiva decadenza della virilità occidentale, il povero Ripper decide di allertare la propria base e di mettere in atto il piano di difesa atomico che prevede il bombardamento di 35 obiettivi strategici situati nell’Unione Sovietica. In questo modo, il piano di difesa si trasformerà nell’attacco offensivo che deve innescare la rappresaglia da parte dei russi e decidere una volta per tutte delle sorti dell’umanità.

piano_erreAvendo un significativo vantaggio di partenza, Ripper è convinto del proprio successo, in quanto il presidente degli Stati Uniti, una volta preso atto della situazione, non avrebbe altra scelta che riversare tutto il potenziale bellico contro i sovietici, al fine di ridurre al minimo la loro capacità di organizzare la controffensiva. Dopo aver lanciato l’allarme rosso, Ripper ordina al capitano Mandrake di mettere in atto il piano “Erre”. Mandrake è in un primo tempo convinto che si tratti di una esercitazione, ma Ripper gli conferma che bisogna fare sul serio. Intanto, su uno dei trentacinque bombardieri atomici che pattugliano quotidianamente l’aria a due ore di volo dalle basi russe, il maggiore Kong apprende dell’attuazione del piano “Erre” (“erre come Romeo”, viene specificato, richiamando il contrastato amore tra Romeo e Giulietta).

turgidsonAlle tre del mattino, una telefonata interrompe le prodezze sessuali del generale Turgidson, che aveva programmato di trascorrere alcune ore in compagnia della sua segretaria, in una camera d’albergo. La telefonata gli riferisce che i bombardieri della base militare comandata da Ripper si sono inaspettatamente diretti su una rotta di guerra e non rispondono alle comunicazioni via radio, né si riesce a comunicare con la base. Seccato, Turgidson decide che è forse il caso di preoccuparsi e lascia l’”alcova” per raggiungere la centrale operativa del Pentagono. Intanto, dagli altoparlanti della sua base, il generale Ripper proclama lo stato di assedio: le radio devono essere sequestrate per impedire al nemico di diffondere false informazioni e niente e nessuno dovrà avvicinarsi alla base, in quanto i russi cercheranno di entrare camuffandosi da soldati dell’esercito statunitense.

       >Segue          

 Activitaly | InfoRoma | ArgiletumTour | Svbvra | Eventi | ActivCinema