C' ERAVAMO TANTO AMATI IV

LA MALINCONICA IRONIA DELL'IDEALISMO

 

 

Nicola, durante una premiazione pubblica per ragazzi, con De Sica come ospite d'onore, constata con profondissima delusione quanto egli stesso non abbia più coraggio di dire e pensare (<<Volevamo cambiare il mondo, ma è stato il mondo che ha cambiato a noi>> saranno le sue parole dense di rimpianto).


Mentre in Piazza del popolo sta spostando un 'automobile per uscire con la sua, Gianni incontra Antonio,che scambiandolo inevitabilmente per un posteggiatore, prova compassione per il vecchio amico col quale, dopo venticinque anni si riappacifica.
La sera si ritrovano con Nicola nella solita trattoria, dalla quale sono scomparsi i pittoreschi personaggi d'un tempo: Gianni torna col pensiero a quando erano partigiani, immaginandosi morto tra i due amici che lo compiangono, per poi affermare frasi di singolare amarezza (<<La nosra generazione ha fatto schifo>>, <<Il futuro è passato e non ce ne siamo nemmeno accorti>>).
Ne nasce una discussione che degenera in lite tra Antonio e Nicola, il quale scoppia a piangere resosi conto di non essere nient'altro che un fallito, sia a livello sociale (si è ridotto a firmarsi "Vice" nelle recensioni giornalistiche) che affettivo, mentre Gianni cerca di rivelare ai due la sua reale condizione di benessere, ma invano.
A bordo della 600 vinta da Nicola al telequiz, si recano in una piazza della Garbatella piena di gente appostata dinanzi ad una scuola per ottenere l'iscrizione dei propri figli.
Antonio presenta la moglie ai due a mici: è Luciana, ora lontana dai sogni cinematografici e con una coscienziosa acquisizione di responsabilità da dedicare alla famiglia.
Mentre dei ragazzi intorno al fuoco intonano il canto partigiano che Antonio e Nicola riconoscono immediatamente, Gianni trova il tempo di esprimere a Luciana il rimpianto del loro rapporto bruscamente interrotto , che ha portato con se in tutto questo tempo;
ma la donna ,pur prendendone atto, è ormai legata all'unico uomo che le abbia realmente dimostrato un serio sentimento d'amore e stima.
Cercando un pacchetto di sigarette, Nicola ritrova insieme ad Antonio la patente di Gianni, che si è di colpo allontanato dal gruppo, cosicché leggendo l'indirizzo decidono di riportargliela il giorno seguente.
Ed ecco di nuovo la sequenza d'inizio di questa storia:
Antonio, Nicola e Luciana scopriranno così che il loro amico Gianni non è il guardiano della villa come essi pensavano, ma bensì il fin troppo agiato proprietario.
<<Se vergognava de dicce d' essese ridotto così>> dirà Antonio, aggiungendo un "boh" che satà nuova fonte di discussione con Nicola…


segue

 
Home
parte II
parte III
parte IV
parte V
parte VI