Turismo e Cultura - Tour Operator Argiletum Tour Roma
 
Musei Capitolini Roma
Musei Capitolini - parte II
Musei Capitolini , lupa Capitolina

Musei Capitolini -  Giovanni Battista , Caravaggio

 

 

uscita dei Musei Capitolini

Al piano superiore la Pinacoteca conserva un’importante collezione di dipinti italiani e stranieri dal tardo Medioevo al Settecento tra i quali “la Buona Ventura” e il “San Giovanni Battista” di Caravaggio, la pala di Santa Petronilla del Guercino. Oltre alle pitture è qui contenuta una preziosa raccolta di mobili e porcellane, donata dal conte Cini.

I musei sono collegati tra loro per mezzo di una lunga galleria sotterranea, la Galleria Lapidaria, dedicata all’epigrafia antica. La galleria mostra attraverso iscrizioni vari aspetti della vita pubblica e privata nell’antica Roma. Divisa per tematiche “Lingua”, “Professioni” “Sepolcri”, “Culti” “Leggi”, “Strade e acquedotti”, “Militari”, “Aristocrazia Romana”. Il percorso con un suggestivo sottofondo musicale accompagna il visitatore verso la terrazza del Tabularium dal quale un panorama mozzafiato sul Foro Romano mostra ai visitatori le vestigia di un glorioso passato e lo avvicina al sentimento degli antichi imperatori che, da questa stessa terrazza, governavano il mondo e vegliavano sui loro sudditi immersi nelle loro attività quotidiane.

Il percorso termina nel Palazzo Nuovo dove in un ordinamento museale rimasto invariato dal ‘700 sono conservate le raccolte di sculture antiche del collezionismo delle grandi famiglie nobiliari dei secoli passati: famosissime le raccolte dei busti degli imperatori romani, l’uno accanto agli altri vediamo qui le diverse figure imperiali che la storia ricorda come costruttori o distruttori, pietosi o sanguinari, buoni o terribili, che oggi guardano immobili e indifferenti nella calma pacificata dell’eternità; la sala dei busti dei poeti e dei filosofi, che da modo, con rara efficacia, di avere un’idea del ritratto nell’antichità. La statua del “Galata Morente”, scoperta nel 1500, opera originale greca della scuola di Pergamon. Il guerriero barbaro agonizzante è qui raffigurato negli ultimi momenti della sua vita. Egli soffre terribilmente e sul suo volto è visibile lo spasmo della dolorante agonia. La sofferenza e il dolore sono rappresentati con tanta ammirevole forza artistica che quasi si sente la forza palpitante di questo corpo meraviglioso di guerriero sopraffatto e abbattuto da tante pene. L’altra opera magnifica è la splendida “Venere Capitolina”. La figura marmorea nuda che rappresenta la dea dell’amore, fu scoperta a Roma nel 1700. In essa fanno stupire il colore del marmo di Paros, simile a quello del corpo vivo, la realtà della forma della donna matura e la delicatezza classica dell’intaglio, pieno di sfumature fini, che fanno quasi percepire il respiro. Solo toccando il marmo freddo ci si scioglie da questo incanto artistico bellissimo che ripete un tema preferito dalla scultura antica cioè la rappresentazione della figura femminile nuda.
Domina nel cortile del Museo l’imponente statua di Marforio circondato da altre sculture monumentali_

Musei Capitolini - parte I

 
Musei Capitolini, statua di Costantino
Musei Capitolini, Venere Capitolina
Musei Capitolini -  bernini, testa di medusa
 
Musei Capitolini Roma

Roma info | Turismo | Eventi | ActivCinema | ActivSardegna | Svbvra | Chi siamo | E-mail

Book tours and activities in Italy with Argiletum Tour Operator Rome

Book tours and activities in Italy with Argiletum Tour Operator Rome!

©1999-2013 Activitaly srl Roma