viaggio in Italia by Activitaly Roma
 
 
SVBVRA web magazine
viaggio in italia

Monica Bettin 

 

Così se scendi a sud trovi Napoli, con Pompei ed Ercolano, e puoi tuffarti nei colori e nella vita dell’impero romano, rimasti bloccati per sempre in un lontano giorno di 2000 anni fa. Puoi scendere ancora più giù, in Sicilia., dove ai resti di templi e teatri, testimoni dell’influenza della cultura greca su quella romana, si mescola il barocco prezioso di piccole cittadine.

Ma puoi risalire e trovare subito Firenze e la Toscana, con le atmosfere asciutte e rigorose dell’epoca medievale che sfumano in quella rinascimentale. Passeggiando nei borghi potrai riconoscere la vita al tempo dei Comuni, con i nomi delle vie che riportano al tempo delle botteghe artigiane di orafi tessitori conciatori.

E risalendo questa buffa penisola a forma di stivale troverai, come in sogno,nel mare, Venezia: la Serenissima in cui il tempo per incanto sembra essersi fermato al ‘700, il secolo del massimo splendore e del declino. Vagando tra una calle e l’altra potrai davvero pensare di incontrare Mozart, Goethe e Goldoni.

Se ti spingerai più a occidente incontrerai piccole città, ricche di fascino, già sedi di principati e di importanti famiglie: Mantova, Ferrara, Reggio Emilia dove Rinascimento e Barocco si intrecciano senza soluzione di continuità.. Ancora più a ovest incontrerai Milano dove le guglie gotiche del Duomo dominano i tanti palazzi dell’800 e dove la grande moda ha un suo centro privilegiato. Infine puntando ancora a nord Torino dove i viali della prima capitale dell’Italia moderna ti portano dritto al museo egizio, il museo più importante al mondo fuori dall’Egitto.
Girando qua e là inaspettatamente potrai trovare un cartello dell’Unesco, che ti segnale un sito considerato patrimonio dell’umanità, in assoluto l’Italia è il paese che ne possiede di più al mondo, sparsi in tutto il suo territorio

Questo viaggio ti riempirà gli occhi, ma per saziare anche naso e bocca potrai cercare ovunque, anche nel più piccolo paesino sperduto, fuori dalle rotte turistiche più note, il gusto di mangiare e bere una cucina che accomuna i sapori del mediterraneo più caldo a quelli più delicati della pianura, ma non ci solo spaghetti, pizza e cappuccino: scopri il gusto per gli arancini e il gelato siciliani e la cassata, le orecchiette pugliesi e il babà napoletano, i carciofi alla giudia del ghetto ebraico di Roma e la pasta con la pajata; la ribollita e il caciucco toscani, i tortellini bolognesi spolverati dal gustoso parmigiano; il fegato alla veneziana ed il risotto allo zafferano; le fresche trenette al pesto genovesi ei sublimi gianduiotti di Torino; e nella stagione giusta non ti perdere per nulla al mondo carne e pasta preparati col tartufo bianco d’Alba. Poi per chiudere in bellezza consuma il vero espresso e lascia che per ultimo le note del limoncello o di una grappa giochino con la memoria dei sapori.

segue