ALTA MODA 2005 A ROMA
AGGIORNAMENTI

SPECIALE ALTA MODA 2005 A ROMA - AGGIORNAMENTI II
di Bianca Cimiotta Lami, Mariangela Antonazzo, Daniela Lucchetti

Il sogno di Roma nella collezione di Fausto Sarli di Bianca Cimiotta Lami

by SarliSalgono in pedana per il Maestro Sarli le top che Roma sogna. In esclusiva Maria Carla Boscoso modella internazionale contesa dalle migliori griffe del pianeta solca con l’eleganza che la contraddistingue insieme a Eva Riccobono, Beatrice Borromeo, Andrea Stancu e Nicole Witt. La collezione presentata nel Cortile di Palazzo Valentini della Provincia di Roma si impone con richiami agli anni ’20 nelle ispirazioni del grande artista Alfonse Mucha e della languida Sarah Bernhardt musa dell’Art Nouveau. Lunghezze sotto al ginocchio richiamano alla riservatezza al femminile e i rosa antico, i gialli senape e i verdi acidi rimandano alla malizia del visto e non visto di altri tempi. Colli sciallati da accennati visoni, cinte alte a deliniare i punti vita e stivaletti stringati accessoriano i capi che dal giorno alla sera accompagnano la donna Sarli. La silhouette delle divine sono fasciate da luminosi satin e soffici velluti come il cotone e come dipinte a mano le decorazioni nel segno di Klimt avvolgono le modelle. Chiude nella purezza del bianco e del tulle la Sposa realizzata in mikado intagliato a mano.


Femminilità fra potere e libertà

Guillermo Mariotto per Gattinoni

“Alle donne di potere, a quante hanno saputo lasciare un segno nella storia” è a loro che Guillermo Mariotto, direttore creativo della maison Gattinoni, si è ispirato per disegnare la nuova collezione haute couture per l’autunno-inverno 2005/2006.
La location scelta per l’occasione, il Globe Theatre, rispecchiava questa volontà di recupero della memoria storica; nel gioiello architettonico, che riprende la planimetria del teatro elisabettiano, situato nel cuore di Villa Borghese a Roma, è andato in scena lo spettacolo del gran ballo delle dame protagoniste della contemporaneità. Elisabetta I, modernizzatrice dell’Inghilterra, indossa un cappottino di feltro con fiocchi drappeggio di chiffon, Caterina de’ Medici un soprabito midi decorato con frammenti di arazzi, Teodolinda, regina dei Longobardi, vestita con un abito di organza dipinta con disegni antichi. Non solo regine, ma donne dalla personalità forte capaci di cambiare il proprio destino con scelte coraggiose. Attraverso loro Mariotto descrive, vestendole, anche le donne che si muovono oggi nella modernità: ecco forse il senso del meraviglioso abito in chiffon e organza, con rose applicate e un bolerino a coda dal taglio maschile, sublime ornamento vestimentario per la sposa premaman, così di moda oggi.

Mariangela Antonazzo e Daniela Lucchetti

Intervista con Quirino Conti
CHE GENIO QUIRINO! Intervista con Quirino Conti



Diego Percossi Papi

Quando l’Alta Moda sposa l’Alta Gioielleria

PapiCoprotagonisti dello spettacolo in scena con gli abiti griffati Gattinoni, il gioiello di Diego Percossi Papi. Maestro d’arte nato a Roma nel 1946 realizza e disegna dal 1968 piccole e preziose opere d’arte. Per Guillermo Mariotto, direttore creativo della maison, ha realizzato una collezione di monili di ispirazione storica. Pendenti con diamanti e granati, indossati da Teodora imperatrice, broche a forma d’aquila con smeraldi ed ametiste, per Lucrezia Borgia, collier de Chien con cammei ad altorilievo per Giulia Farnese. Anche in questa occasione la filosofia è la stessa: per indossare i suoi gioielli “bisogna sentirli, amarli, capirli”.

Mariangela Antonazzo e Daniela Lucchetti


La collezione che si intuisce nella storia di Eva Minge

di Bianca Cimiotta Lami

Atmosfere orientali per la stilista polacca Eva Minge. Una collezione cromatica giocata tutta sulle gradazioni dell’arancio, del turchese, del verde e dell’azzurro, arricchite da pennellate di argento. Questa la nota artistica della press-release della stilista che annuncia una sfilata che non c’è . In realtà in passerella il pubblico ha potuto godere dei quindici capi arrivati notte tempo dalla Polonia in estrema emergenza, perché la collezione sopra annunciata è sta sequestrata dalla Camera Nazionale della Moda italiana per questioni che onestamente agli addetti ai lavori non dovrebbero interessare. Così con le lacrime agli occhi e con una straordinaria dignità propria della sua cultura la bella e brava stilista ha salutato il suo pubblico e rimandato alla prossima puntata.


Moda come Arte di vivere

di Bianca Cimiotta Lami

PapiDonne a contatto al Tempio di Adriano. Percussioni e danza. Il mondo della moda espresso da Patrizia Pieroni per Arsenale in un set apparentemente casuale , in cui i temi si sovrappongono in stile vintage dagli anni ’70 nelle striminzite redingote, giacchine, gonne e shorts fino a interventi d’accessorio in plexiglass. La scena è tutta al femminile nell’immagine presa in prestito della donna Manga che combattuta con la sua anima mobile, coglie dal mucchio abbandonato il suo quotidiano. Più che indossati gli abiti vengono scelti e appesi come accenni di opere d’arte sul fondo della parete, fino a formare una scenografia. Le maschere solcano la virtuale passerella e come una danza immobile tra maglie in trama persa tinta a mano e abiti da sera trasparenti di cotone grezzo, attraversa lo spazio la sposa che con bouchet psichedelico chiude il simbolico rito d’iniziazione alla vita.

top


aggiornamenti sull’Alta Moda romana 2005 - I
aggiornamenti sull’Alta Moda romana 2005 - III

alta roma alta moda 2005

 

SVBVRA | Activitaly | InfoRoma | Servizi turistici | Eventi | ActivCinema

©1999-2005 Activitaly Roma